6 regole per prevenire la clonazione della Postepay

Possono rubare i soldi della Postepay? Diciamo che il furto del denaro depositato sulla carta pregata speso dipende d come noi utilizziamo la carta. furto che può avvenire in diversi modi, su internet, ma anche allo sportello automatico. Ecco alcune semplici regole per ridurre il rischio clonazione p furto.

1) Fai attenzione alle e-mail che arrivano all’indirizzo di posta elettronica e chiedono di confermare i tuoi dati personali, quelli della Postepay, o i dati che utilizzi per accedere al sito delle Poste. Le Poste o banche non chiedono mai di confermare questi dati, perché li hanno già.
2) Se contengono allegati non aprire l’email, spesso gli allegati contengono virus, malware, cavalli di troia che infettano il computer, o dispositivo che utilizzi per scaricare la posta elettronica. Con l’unico scopo di recuperare dati sensibili, come codici di accesso al conto corrente, carta di credito, carta pregata, conto PayPal.
3) Quando usi la carta per prelevare al Bancomat o al Postamat controlla attentamente chi hai vicino. Fai in modo ch nessuno riesca a capire quali cifre hai digitato sul tastierino numerico dello sportello automatico.
4) Copri con una mano il tastierino mentre digitati il pin.
5) Attenzione ai messaggi che ricevi sullo smartphone dove si comunica il blocco temporaneo della Postepay e comunicano che per evitare il blocco devi collegarti a un sito internet per confermare i dati.
Oppure compiere altre azioni potrebbe trattarsi di un truffa.
6) Ricorda sempre di custodire con cura i dati della carta di pagamento come numero, cvv, pin che utilizzi per autorizzare pagamenti per prelevare e collegarti all’internet banking della carta.