Ci sarà la patrimoniale nel 2020?

L’ultima patrimoniale risale al 1992 quando nella notte del 10 luglio di quell’anno, il Governo di allora guidato da Giulio Amato approvò con decreto la manovra finanziaria più alta da dopoguerra per portare il bilancio in pareggio. Tra i decreti approvati c’era anche la patrimoniale, il governo mise le mani nelle tasche degli italiani per prelevare dai conti correnti bancari il sei per mille, per portare il bilancio in pareggio.

La manovra fu necessaria anche perchè la speculazione prese di mira la lira italiana. Erano gli anni della speculazione sulle valute quando il finanziare George Soros decise di speculare al ribasso sulla sterlina inglese e la lira italiana.

A distanza di anni si ritorna a parlare di patrimoniale, o prelievo forzoso, chiamatelo come volete, da parte del governo sui conti correnti degli italiani per ridurre il debito pubblico che ha superato i 2.300 miliardi.
E nel corso del 2020 a causa delle misure di emergenza adottate per il covid-19 rischia di arrivare al 160% del pil.
Un debito enorme per uno Stato come l’Italia che graverà sulle future generazione.

Come siamo arrivato ad avere un debito cosi alto? Gran parte di questo debito serve per ripagare la macchina dello Stato tutto quello che serve per far funzionare lo Stato sanità, scuole, strade, autostrade e cosi via.

Le misure prese negli anni passati per ridurre il debito sono servite a poco, per anni i governi hanno adottato la spending review un taglio della spesa pubblica ritenuta inutile.
Ma così facendo hanno tolto servizi essenziali, basta vedere come è stata ridotta la sanità pubblica,oppure la scuola. Ma evitiamo di parlare di parlare di politica e cerchiamo di capire se questo debito dovremmo ripagarlo a breve con la patrimoniale.

Come evitare la patrimoniale?

Non sappiamo se questo governo, o quello che verrà, avrà il coraggio o la forza politica di adottare un provvedimento simile . Non sappiamo di quanto sarà il prelievo, un prelievo piccolo servirà a poco. Una percentuale troppo alta scatenerebbe il panico. Non sappiamo quali conti correnti bancari, conti di deposito libretti di risparmio, colpirà, se tutti o solo quelli di un cero importo.

Comunque anche se hai un conto corrente estero, oppure stai pensando di aprirne uno per spostare i tuoi soldi ed evitare la patrimoniale, potrebbe non servirà a nulla. Perchè il fisco troverà il modo di aumentare la tassazione sui conti correnti esteri. Investirli forse potrebbe essere la giusta, magari investendo nei Pir? Questa è una delle ipotesi più gettonate solo perchè sugli investimenti si paga già una mini-patrimoniale. Ma non sappiamo se il governo deciderà di aumentare le tasse sugli investimenti finanziari.

Perchè si ritorna a parlare di patrimoniale o prelievo forzoso.

Per adesso sono solo ipotesi che si fanno qualche partito politico di maggioranza ha fatto circolare delle proposte, forse per vedere la reazione degli italiani. Anche perchè:


1: L’economia è ferma non sappiamo se e quando ripartirà e i miliardi messi a disposizione come bonus fiscali e la cassa integrazione fanno aumentare il debito. E qualcuno questo debito lo dovrà ripagare.


2: Demograficamente siamo messi maluccio.


3: Perchè gli italiani hanno miliardi depositati sui conti correnti , e in questi mesi c’è stato un aumento del denaro parcheggiato sui conti correnti nonostante l’emergenza covid.


4: Il debito pubblico è veramente alto, e da Bruxelles potrebbero spingere su questa misura come condizione per darci altri aiuti.

5: Perchè gli italiani hanno paura della patrimoniale ed è un argomento che a loro interessa.

6: La liquidità ferma sui conti correnti è alta, la gente a paura del futura e tiene ferma la liquidità. Se convinci le persone a spostare questa liquidità verso strumenti finanziari ad esempio fondi o assicurazioni, in molti guadagneranno in commissioni.

A questo punto come evitare la patrimoniale? L’unica soluzione è mettere i soldi sotto il materasso.