Conviene tenere i soldi sul conto corrente?

Conviene lasciare soldi sul conto corrente? La risposta è no e provo a darti una spiegazione.

Quanti soldi lasciare sul conto corrente?

Specifichiamo meglio si dovrebbe lasciare sul conto corrente solo i soldi per le spese quotidiane, e il pagamento delle rate dei finanziamenti. Se hai la possibilità di risparmiare qualcosa, anche poco, quel poco è meglio investirlo.

Perchè si dice che sul conto corrente non si devono lasciare soldi?

  1. Perchè rimangono a disposizione della banca e non sono remunerati.
  2. Perchè l’inflazione riduce il potere d’acquisto, quindi hai sempre meno soldi da spendere.
  3. Perchè il conto corrente serve per la gestione del denaro e non per far furttare i soldi.

Quando l’inflazione è alta non conviene lasciare soldi sul conto corrente.

Dicevamo che l’inflazione erode il capitale ti fa perdere potere di acquisto. In periodi di inflazione alta non conviene lasciare soldi sul conto corrente perché la liquidità ferma sul conto perde potere di acquisto. In pratica un euro oggi vale più di quello di domani. PRovo a farti un esempio.

Ad esempio: Se l’inflazione è del 2% significa che i prodotti, beni e servizi ogni anno aumentano del 2%. Quindi se il pane quest’anno costa euro 5 al kg, il prossimo anno con l’inflazione al 2% il suo costo aumenterà a €5,1.

Se hai solo €5 non puoi acquistare un kg di pane, ma qualcosa di meno.
Ecco cosa significa perdere potere di acquisto.
Allora si deve trovare un modo perché questi risparmi fruttino qualcosa ed evitare di perdere potere di acquisto.

Conviene lasciare soldi sul conto corrente in periodi di bassa inflazione o deflazione?

Ma anche in periodi di bassa inflazione o deflazione non conviene tenere soldi sul conto corrente ma solo lo stretto necessario perchè la liquidità rimane a disposizione della banca.
Se si ha disponibilità è meglio investirla, in cosa?
Qui devi chiedere consiglio a un bravo promotore o consulente finanziario, che in base alla tua propensione al risparmio, ai tuoi obbiettivi.

Ad esempio questi risparmi per cosa ti serviranno?

  1. Ti servono per ristrutturare casa.
  2. Per integrare la pensione quando andrai in pensione.
  3. Per l’educazione scolastica dei tuoi figli.
  4. Per fare una vacanza?
  5. Per l’acquisto di una vettura nuova?
  6. Quando pensi ti possa servire questo denaro che vuoi investire fra un anno, due anni, cinque anni, e così via.
  7. Qual è il tuo grado di rischio, qual è la tua età .


A questo punto il consulente dovrà indicarti quali siano gli investimenti migliori per te.
Banche e poste offrono una serie infinità di prodotti finanziari ma ricorda che di investimenti sicuri non esistono.

Ricapitolando lasciare soldi sul conto corrente significa averli sempre disponibili, in qualsiasi momento puoi prelevare. Ma non conviene, come non conviene avere più conti correnti per parcheggiare la liquidità, perchè non farai altro che aumentare i costi di gestione e perdere potere di acquisto.
Conviene investirli, ma in cosa? Dipende dai tuoi obbiettivi.