Quanti soldi contanti si possono prelevare dal libretto postale?

Quanto posso prelevare dal libretto postale nominativo?
In contanti? Anche tutto il saldo disponibile del tuo libretto postale, anche se supera la soglia di tracciabilità per i pagamenti in contanti di 3mila euro. Ma ricorda che l’ufficio postale potrebbe essere sprovvisto della somma che ti serve, soprattutto se si tratta di un piccolo ufficio postale.
Quindi dovrai fare una prenotazione e andare il giorno indicato.

Se invece non vuoi prelevare in contanti, scelta saggia per evitare di andare in giro con denaro contanti, puoi scegliere il prelievo con vaglia circolare negoziabile in qualsiasi banca. Anche se dovrai pagare una commissione.

Come prelevare dal libretto postale.

Puoi prelevare più di mille euro con la carta libretto postale in qualsiasi ufficio postale.
Puoi prelevare da Postamat con la carta libretto postale. Ma se l’importo supera il limite giornaliero e mensile di prelievo dovrai prelevare allo sportello.
Da Postamat i limiti di prelievo sono di €600 al giorno e €2500 al mese.

Se ancora hai il libretto cartaceo, o la portatore, non puoi prelevare più di mille euro alla volta nell’ufficio postale di radicamento. Ma ormai i libretti al portatore sono stati convertiti in ordinari, o chiusi a fine 2018, dopo l’introduzione del decreto legislativo 90/2017, attuativo della IV direttiva di prevenzione del riciclaggio internazionale e del finanziamento al terrorismo, che prevede l’obbligo di estinzione dei libretti al portatore.

Praticamente i libretti al portatore devono essere chiusi obbligatoriamente, dal 2019 si possono aprire solo libretti nominativi.

Come convertire libretto postale da cartaceo a dematerializzato?

La conversione del libretto cartaceo a digitale  si può fare all’ufficio postale di radicamento. Per trasformare il libretto ordinario o smart in dematerializzato non si deve chiudere il vecchio libretto cartaceo e aprirne uno nuovo. La procedure non prevede costi.

Cosa cambia dopo la trasformazione da cartaceo a dematerializzato?

Il libretto cartaceo è  un documento fisico, mentre il libretto dematerializzato è rappresentato unicamente da registrazione contabili. Puoi consultare saldo e movimenti anche da internet. Oppure da Postamat con la carta libretto postale. Ma puoi chiedere anche la stampa dei movimenti.

Prelievo in contanti da libretto postale quando scatta la segnalazione.

Molti hanno paura di prelevare in contanti perché temono che scatti automaticamente la segnalazione al fisco. Ma è bene ricordare che la segnalazione parte quando :

1. Dal sospetto che le banche, in questo caso poste, hanno sull’utilizzo che ne farai del denaro prelevato.

2. Di solito scatta per cifre molto alte, oppure per prelievi e versamenti continui. Questo per i cittadini privati, che in caso di segnalazione dovranno dimostrare all’Agenzia delle Entrate che uso hanno fatto del contante.

3. Ricorda che anche se fai tanti prelievi in diversi uffici postali, puoi farlo con la carta libretto postale, non eviti eventuali segnalazioni al fisco.

4. Da metà settembre 2019, la segnalazione alla Banca d’Italia, dopo l’introduzione delle nuove regole di antiriciclaggio, scatta con prelievi o versamenti in contanti per importi pari o superiori a 10mila euro al mese. Anche se i prelievi vengono fatti per mille euro alla volta.

Prelevare senza contanti da libretto postale.

Se oltre al libretto hai un conto corrente postale puoi fare un giroconto da libretto a conto postale e poi trasferirli su conto corrente bancario.
Oppure se non hai il conto corrente postale ma sei titolare di un conto corrente bancario puoi richiedere un vaglia circolare.

A volte l’ufficio postale scoraggia il prelievo in contanti perché non ha la disponibilità in cassa.
E per evitare problemi al cliente quando esce dall’ufficio postale.
Incoraggiano il prelievo con strumenti che lasciano traccia come vaglia circolari o bonifici.