Se è la banca a fallire cosa succede al mutuo?

Dopo il fallimento che ha riguardato quattro banche italiane Carife, Carichieti, Etruria, Banca Marche. E la crisi di colossi del credito come MPS , le banche venete, Carige, Popolare di Bari. In molti si chiedono cosa succede al mutuo se la banca fallisce.Per avere una risposta certa basta guardare cosa è successo alle banche nominate all’inizio dell’articolo.

Se la banca fallisce il mutuo si estingue?

No il mutuo non si estingue, ad esempio chi aveva un mutuo con le quattro banche fallite, i mutui di queste banche sono stati trasferiti alle nuove banche che sono nate dalle ceneri degli istituti messi in liquidazione coatta da un decreto del governo. Oppure chi aveva un mutuo nelle banche venete, oggi paga le rate a Intesa-SanPaolo che ha acquisito le banche venete per la cifra simbolica di un euro. I correntisti delle banche venete sono diventati automaticamente clienti di Intesa-SanPaolo.

Così chi aveva un mutuo con Etruria continuerà a pagarlo, ma al nuovo istituto di credito che si chiama nuova Etruria. Poi acquistato da Ubi.

Mutui, prestiti e conti correnti vengono trasferiti automaticamente alla nuova banca.
In questo modo chi ha sottoscritto il finanziamento non avrà nessun danno e potrà continuare a a pagare le rate.
Anche se la banca fallisce l’immobile rimane a chi ha sottoscritto il mutuo.
Se invece e il mutuario ad essere in ritardo con il pagamento delle rate del mutuo, o non le paga, scatta il pignoramento.

Anche per i prestiti il discorso è identico vengono trasferiti alla nuova banca.
A meno che non si tratta di un mutuo o un finanziamento che fa parte dei crediti deteriorati, finiranno nella Bad Bank, la società dove confluiranno le perdite della banca. Che cederà le sofferenze al recupero crediti, queste società acquisteranno i crediti deteriorati per recuperarli.

I crediti con le rate non pagate, dove il sottoscrittore è in difficoltà a rimborsare il finanziamento, vengono ceduti a una società che si occuperà di recuperare il credito.