Si riesce a guadagnare con un blog o con un sito internet?

Oggi il blog è stato sostituito dalle pagine Facebook, più semplici da usare sia dal lato di chi produce contenuti, sia da chi usufruisce di questi contenuti. E per monetizzare si preferisce Youtube al sito internet.
E’ anche vero che il web è saturo, ogni argomento è trattato o da grossi editori che hanno più visibilità nei motori di ricerca. Oppure da piccoli blog che da anni pubblicano contenuti.
Inoltre, aprire oggi un sito per guadagnare non è semplice, non voglio dire che sia impossibile ma oggi è diventato difficile ottenere visibilità. In molti sottovalutano il progetto che richiede impegno e tante ore di lavoro.
Ma non è detto che con impegno e costanza un giorno tu non riesca a guadagnare qualcosa.

Guadagnare con un blog, ma di quale argomento scrivere?

Per capire come fare business online guarda come monetizzano i siti più grandi.
Poi cerca un argomento che conosci bene, oppure un settore sottovalutato, dove sono in pochi a trattarlo.
Se parli di un argomento trattato da altre centinai di siti difficilmente riuscirai ad emergere, a meno che tu non sia il numero uno in quel settpre. E investa oltre al tempo anche il denaro per acquistare visibilità con la pubblicità online.
Quindi non guardare solo l’argomento che porta più guadagni o quello che porta più visite.

Come si guadagna con un sito internet?

Sono tanti i modi per guadagnare con un sito internet che sia un blog, magazine, sito aziendale, tra poco li vedremo.
Come ho scritto all’inizio cerca di capire come si muovono gli editori più esperti come monetizzano, quali strategie utilizzano per portare traffico, per promuovere il proprio brand. Come si muovono sui social.

Guadagnare con la pubblicità online Adsense e simili.

Il primo, il più semplice è inserendo banner pubblicitari, si guadagna quando qualcuno interessato alla pubblicità clicca sul banner, oppure a visualizzazioni, ogni volta che il banner viene visto. Quanto si può guadagnare? Non si può fare una stima precisa perché il guadagno dipende da tanti fattori non solo dal tipo di traffico se organico oppure arriva dai social, tipo di annuncio, quanto paga l’inserzionista e da altre variabili che conosce solo Google.
Ma una cosa è certa serve tanto, tanto, tanto traffico per guadagnare qualche spicciolo.
Il faro di riferimento in questo settore è Adsense di Google, l’iscrizione è gratuita, devi avere un sito, prima di inserire la pubblicità deve essere approvato. La vendita degli spazi pubblicitari avviene tramite asta, per farla breve è Adsense con i suoi algoritmi che decide quando costa un inserzione sul tuo sito. I tempi di attesa sono lunghi, ma il vantaggio di Adsense è che ha una rete di inserzionisti numerosa.

Guadagnare con le affiliazioni di Amazon.

Il secondo con le affiliazioni, ad esempio recensire prodotti dalla tecnologia ai libri, articoli per la casa, consigliare articoli da regalare per una ricorrenza, oppure per Natale, o articoli da acquistare durante il periodo di sconti, shopping online in generale. E inserire nell’articolo che hai scritto link di affiliazione Amazon .
Si guadagna una piccola percentuale quando qualcuno, leggendo l’articolo del prodotto che hai recensito, clicca sul link e acquista il prodotto su Amazon. Quanto si guadagna? Anche in questo caso è difficile fare una stima.
Oltre ad Amazon si può guadagnare con le affiliazioni di servizi bancari come conti correnti, finanziamenti e carte prepagate.

Guadagnare con Article Marketing

Il terzo modo è scrivendo articoli a pagamento, meglio conosciuti come Article Marketing, la promozione di prodotti attraverso la scrittura di articoli redazionali, che sembrano normali articoli ma in realtà è pubblicità. Se hai visibilità e produci buoni contenuti non è difficile essere contatti da aziende che cercano di far crescere il loro brand con la pubblicazione di articoli.

Guadagnare con corsi, ebook, consulenze.

Il quarto modo per monetizzare e scrivendo corsi, ad esempio vendendo prodotti digitali. Se ti piace scrivere, sai spiegare bene, puoi distribuire i tuoi articoli come corso, oppure come libro digitale, e farti pagare per ogni copia scaricata.

Ricorda è importante: anche se vuoi aprire un sito per crearti un reddito passivo, devi avere pazienza, tanta pazienza perché all’inizio non guadagni nulla. Anche se si tratta di una passione fallo come fosse un lavoro, perchè in realtà lo è, solo così riuscirai a farti conoscere. Il lato positivo è che per fare questo tipo di business non servono grandi capitali. Ci sono dei costi per la registrazione del dominio, per l’acquisto dello spazio che deve ospitare il sito internet.